Category Archive tecnologia

Asus Rog Phone 3, il miglior Gaming Phone

Oggi esaminiamo il miglior Gaming Phone in assoluto sul mercato odierno, l’Asus Rog Phone 3. Vediamo un po’ come mai possiamo definire questo telefono il migliore in questo campo e vediamo le sue caratteristiche. Iniziamo col vedere le specifiche tecniche, let’s go.

Specifiche Tecniche

GENERALI

Sistema OperativoAndroid 10 ROG Gaming UI
Dimensioni171 x 78 x 9.85 mm
Peso240 grammi

RETE

SIM Nano
HSPA+
LTE
5G
Max Upload Speed 4400 Mbps
Max Download Speed 542 Mbps

DATI TECNICI

Processore1x 3.1 GHz Kryo 585 Prime + 3x 2.42 GHz Kryo 585 + 4x 1.8 GHz Kryo 585
Chipset Snapdragon 865 Plus Qualcomm SM8250
64 Bit
GPU Adreno 650
RAM 16 GB
Memoria (Max) 512 GB
Memoria Espandibile No

DISPLAY

Pollici 6.59
Risoluzione 1080 x 2340 pixel
Densità Pixel 391 ppi
Tipo AMOLED
Colori più di 16 milioni

FOTOCAMERA e VIDEO

Megapixel 64 Mp + 13 Mp + 5 Mp
Risoluzione 9238 x 6928 pixel
Fotocamera Frontale 24 Mp F 2
Video Rec. 8K UHD
Opzioni Fotocamera Frontale HDR

BATTERIA

Tipo LiPo
Ampere 6000 mAh

Caratteristiche

DESIGN

Rog 3 è davvero molto simile a Rog 2 e ne condivide praticamente tutta la progettazione iniziale e l’idea che è stata introdotta la scorso anno. Il senso di novità è quindi limitato ma iniziandolo ad osservare attentamente, ci si rende conto che in realtà Rog Phone 3 è totalmente diverso con tantissimi dettagli che lo rendono sicuramente migliore. 

HARDWARE

Asus ha preso il meglio dell’attuale tecnologia e lo ha inserito all’interno della scocca di Rog 2 riuscendo a lasciare invariato peso, dimensioni e nelle conclusioni vedremo anche il prezzo. Ricarica Wireless assente e certificazione IP68 non presente in quanto Asus ha scelto di lasciare la dissipazione laterale nella scocca posteriore che impedisce di rendere il prodotto impermeabile (c’è fisicamente un apertura). Infine manca il Jack, novità di questa generazione.

PERSONALIZZAZIONI

Rog Phone 3 è basato su un sistema praticamente stock ma con alcune personalizzazioni molto interessanti e, concentrandosi solo sullo schermo, troviamo:

  • Rise to Wake
  • Doppio tocco per accensione
  • Doppio tocco per spegnimento
  • Gesture Android 10 personalizzabili
  • Squeeze per lanciare applicazioni o funzionalità di vario tipo
  • Gesture sul blocca schermo per avviare app rapidamente
  • Lettore di impronte sotto lo schermo ottimo estremamente veloce e preciso
  • Sblocco col volto fulmineo
  • LED anteriore RGB (oltre al LED/logo posteriore sempre RGB e personalizzabile)
  • AOD (always on display)

BATTERIA

I numeri contano e in questo caso se 240 grammi spaventano, i 6000mAh permetteranno di fare quello che non potreste fare con altri smartphone, il tutto senza rinunciare alle prestazioni top. Insomma, il Rog Phone 3 è uno smartphone che sarà difficile scaricare in un solo giorno, che vi farà fare facilmente 8 ore di schermo e che potrete utilizzare anche 2 giorni, 5G compreso, tra l’altro disattivabile con un semplice toggle.

Comparto gaming

Incredibile il comparto gaming, vi permette di fare tutto quello che potete immaginare di fare. Il cuore di tutto si chiama Armony Crate, una vera e propria UI di gestione di tutto il mondo game su Rog.

All’avvio avrete una vera e propria console che vi permetterà di vedere tutti i parametri di stato dello smartphone, clock, temperature, memoria e RAM. Potrete svuotare tutto il sistema, chiudere le App o ancora attivare la modalità X in un click. Sul lato invece tutte le funzionalità accessorie e le impostazioni che vi permetteranno di personalizzare la vostra esperienza di gioco.

PERSONALIZZAZIONI

Potrete infatti, per singolo gioco:

  • modificare la sensibilità del touch screen in maniera fine
  • bloccare alcune parti dello schermo
  • modificare le opzioni del display con frequenza di aggiornamento e anti-aliasing
  • intervenire sulle performance di gioco attivando modalità X e agendo su temperature, CPU e GPU anche separatamente
  • potete bloccare la rete o limitare i dati in background in modo da dare priorità al gioco
  • impostare gli air trigger e scaricare profili di gioco
  • mappare i tasti in modo manuale e completo a vostro piacimento
  • salvare tutti i parametri scelti con un profilo di gioco dedicato per ogni singolo gioco
  • creare delle Macro

Inoltre una volta lanciato il gioco, potrete aprire un pannello dedicato in game che vi permetterà di:

  • vedere i fps, temperatura e clock
  • modificare luminosità
  • disattivare avvici, chiamate e gestire i dati
  • registrare la schermata
  • impostare trigger, macro, usare il mirino e velocizzare lo smartphone
  • effettuare streaming online su Youtube

FONTI:

Samsung Galaxy M21. Best buy o un flop?

Samsung ha lanciato, dall’inizio del 2020, già qualche smartphone di fascia medio-bassa come il Galaxy A21s e il Galaxy M31 (clicca qui per andare all’articolo). Ma oggi tratteremo insieme il Samsung Galaxy M21, scopriamolo insieme. Vediamo innanzitutto le sue specifiche tecniche. Let’s go.

Specifiche tecniche

GENERALI

Sistema OperativoAndroid 10 Samsung One UI
Dimensioni159 x 75.1 x 8.9 mm
Peso188 grammi

RETE

SIM Nano
HSPA+
LTE
Max Upload Speed 600 Mbps
Max Download Speed 150 Mbps

DATI TECNICI

Processore 4x 2.3 GHz Cortex-A73 + 4x 1.7 GHz Cortex-A53
Chipset SAMSUNG Exynos 9611
64 Bit
GPU Mali-G72 MP3
RAM 4 GB
Memoria (Max) 64 GB
Memoria Espandibile Micro SD Fino a 512 GB

DISPLAY

Pollici 6.4
Risoluzione 1080 x 2340 pixel
Densità Pixel 403 ppi
Tipo Super AMOLED
Colori 16 milioni

FOTOCAMERA e VIDEO

Megapixel48 Mp + 8 Mp + 5 Mp
Risoluzione8000 x 6000 pixel
Fotocamera Frontale20 Mp F 2.2
Video Rec.4K (2160p)
Opzioni Fotocamera Frontale HDR/Face Detection
Videocamera FrontaleFull HD, 30fps

BATTERIA

Tipo LiPo
Ampere 6000 mAh

Caratteristiche

CONFEZIONE

La confezione non è nulla di speciale, infatti contiene, oltre al telefono, un alimentatore da 15 W, un cavetto USB/USB-C e un paio di cuffiette stereo di qualità non eccelsa ma nemmeno scadente, con la possibilità di rispondere alle chiamate grazie ad un tastino sul filo.

DESIGN E HARDWARE

Il Galaxy M21 è realizzato con un buon policarbonato, ma ovviamente non si tratta di uno smartphone leggerissimo, visto l’importante batteria che monta. Il display è l’ormai classico notch a goccia. Molto buono lo slot di espansione che offre non solo lo spazio per due nanoSIM ma anche quello per una microSD. Il lettore di impronte digitali è posizionato sul retro e ha una discreta precisione e velocità. Sempre sul retro abbiamo tre fotocamere e il Flash Led. L’audio è nella media per potenza e qualità per uno smartphone di questa fascia: lo speaker è posizionato sul lato corto inferiore.

AUTONOMIA

Ovviamente l’autonomia è uno dei punti a favore di questo smartphone che vi permette di poterlo usare per arrivare alla fine della seconda giornata lavorativa con un utilizzo medio dello smartphone e completare comunque sempre e comunque un’intera giornata di lavoro anche con un utilizzo intenso. La ricarica non è proprio velocissima, ma poco male visto che non ci sarà bisogno di ricaricarlo spesso.

Conclusioni

In termini di prestazione e costruzione abbiamo davanti un lavoro ben fatto anche se non è ovviamente paragonabile a quelli di fascia alta. Buona la batteria e le prestazioni ma il prezzo è decisamente alto per uno smartphone del genere. Speriamo che il prezzo scenda in fretta.

FONTI:

Moto G Pro, lo smartphone “economico” con pennino

Oggi esaminiamo insieme un nuovo tipo di smartphone della motorola, ovvero una tipologia che presenta un pennino completamente integrato col sistema. Una specie di smartphone molto simile alla serie Note della Samsung, ma ovviamente senza quelle alte prestazioni. (clicca qui per andare all’articolo Samsung Galaxy Note 10). Ecco a voi il Moto G Pro, scopriamolo insieme.

Specifiche tecniche

GENERALI

Sistema OperativoAndroid One 10
Dimensioni158.55 x 75.8 x 9.2 mm
Peso192 grammi

RETE

SIM Nano
HSPA+
LTE
Max Upload Speed 600 Mbps
Max Download Speed 150 Mbps

DATI TECNICI

Processore4x 2.0 GHz Kyro 260 + 4x 1.8 GHz Kyro 260
Chipset Snapdragon 665 Qualcomm SDM665
64 Bit
GPU Adreno 610
RAM 4 GB
Memoria (Max) 128 GB
Memoria Espandibile Micro SD Fino a 512 GB

DISPLAY

Pollici 6.4
Risoluzione 1080 x 2300 pixel
Densità Pixel 397 ppi
Tipo IPS LCD
Colori 16 milioni

FOTOCAMERA e VIDEO

Megapixel48 Mp + 16 Mp + 2 Mp
Risoluzione8000 x 6000 pixel
Fotocamera Frontale 16 Mp F 2
Video Rec.4K (2160p)
Opzioni Fotocamera Frontale HDR/Face Detection/Smile Detection/EIS
Videocamera Frontale Full HD, 120 fps

BATTERIA

Tipo LiPo
Ampere 4000 mAh

PENNINO

Abbiamo di fronte un pennino capacitivo, non c’è quindi digitalizzatore e mancano riconoscimento del palmo e livelli pressione; qualsiasi tocco involontario viene recepito dal display e il tratto non varia in dimensione a seconda della forza che imprimete. Dopotutto il tratto viene riconosciuto rapidamente, c’è un leggero ritardo nella comparsa del segno sul pannello ma siamo nell’ordine dei millesimi di secondo. Il pennino è molto leggero e sottile. L’alloggiamento è fatto in modo che possiate inserirlo nella scocca solo e soltanto in un verso e non ci sono meccanismi di rilascio a scatto, dovete semplicemente tirare per estrarlo e spingere per riporlo al suo posto.

Parlando invece della sua implementazione nel sistema operativo, possiamo di sicuro dire che la Motorola si è data da fare. Estraendo la penna a smartphone bloccato, si apre automaticamente una nota che potete compilare e poi salvare, tutto senza sbloccare il telefono. Compiendo la stessa operazione a smartphone sbloccato, compare invece una bolla flottante che, una volta toccata, apre un sotto-menu nel quale troviamo le funzioni extra legate all’utilizzo della penna. Sempre all’interno del menu di impostazione possiamo anche agire sullo strumento che ci avvisa dell’assenza del pennino dall’alloggiamento per molto tempo o che registra la posizione in cui è stato estratto lo stilo per l’ultima volta.

DESIGN E MATERIALI

La scocca è realizzata con un policarbonato bello rigido. Se guardiamo alla sostanza, la plastica, se di buona fattura come questa, contribuisce a rendere tutta la soluzione meno incline a rotture in caso di caduta. Frontalmente resta invece uno strato di vetro a coprire il display.

A livello di dimensioni e peso non parliamo di un telefono piccolo ma i 6.4 pollici di questo Moto G Pro ne fanno una soluzione abbastanza maneggevole. Il grip è discreto e in confezione troviamo una custodia in silicone trasparente. Moto G Pro pesa infine 192 grammi, che non sono pochi ma sono ben distribuiti e non lo sbilanciano durante l’utilizzo.

Nella parte retro posteriore troviamo le tre fotocamere e il sensore per la messa a fuoco laser con la configurazione a semaforo. Sempre sul retro, al centro della cover, troviamo il lettore per il riconoscimento delle impronte che funziona bene, è veloce e riconosce sempre il tocco.

Frontalmente abbiamo il display da 6,4 pollici con un cornici non sottilissime e con una fotocamera frontale inserita in un foro nell’angolo in alto a sinistra. Lungo la cornice troviamo i tasti di accensione e regolazione del volume, il jack audio da 3.5 mm, la USB-C 2.0 senza uscita video, i microfoni e uno dei due speaker: l’altro è inserito nella capsula auricolare. L’audio prodotto da questo sistema doppio è molto buono per quanto riguarda il volume.

BATTERIA E AUTONOMIA

Il modulo dentro a Moto G Pro offre una capacità di 4000 mAh che di sicuro non sono un record ma che, abbinati all’hardware appena descritto e quindi ad un SoC che bada a risparmiare energia portano ad avere un’autonomia ottima. Con un utilizzo standard si arriva tranquillamente a cena con un quantitativo residuo di carica che supera il 50% e ci permette di affrontare senza troppi problemi anche buona parte, se non tutta, la seconda giornata di uso.

FONTI

Oneplus si mette al lavoro con due nuove uscite

Oneplus ha intenzione di far uscire addirittura due nuovi dispositivi, forse contemporaneamente. Si tratta di Oneplus Nord (un nuovo smartphone) e Oneplus Pods (delle nuove cuffiette bluetooth). Cerchiamo di scoprire qualche cosa in più riguardo alle loro specifiche. Partiamo dallo smartphone.

Oneplus Nord

Anche se non sappiamo precisamente tutto ciò che riguarda questo nuovo device, dal teaser rilasciato dalla Oneplus riguardante questo smartphone si può captare qualche nuova informazione, come l’effettiva forma e qualche dettaglio di tipo estetico.

Innanzitutto possiamo vedere che si tratta di uno smartphone dalle dimensioni importanti e dalla forma allungata. Le linee, in generale, sono pulite e razionali. Possiamo poi notare che l’ampio schermo sarà piatto. Sul retro il modulo fotografico è contenuto da un elemento verticale, “a semaforo”, e la colorazione mostrata è una sorta di grigio pastello (per adesso non si sa di altre tipologie di colorazioni).

Sul fianco destro si intuisce il classico switch per la modalità silenziosa. Poco più sotto un tasto che dovrebbe essere quello di accensione e spegnimento. Per il sensore i impronte digitali dovremmo aspettare ancora del tempo per avere informazioni precise al riguardo. Infine, è possibile notare sul display, nell’angolo in alto a sinistra, quello che sembra proprio un doppio foro per la fotocamera frontale.

Lascio qui sotto il link per vedere il video di presentazione dello smartphone in modo che anche voi possiate notare i dettagli fisici di cui abbiamo parlato. https://youtu.be/QbV-KZa6JWc

CARATTERISTICHE ATTESE

  • Display AMOLED da 6,55″ a 90 Hz
  • Snapdragon 765 con modem 5G
  • 6GB di memoria RAM
  • 128 GB di storage interno
  • Quadrupla fotocamera posteriore da 64+16+ 2MP (ignoto il quarto elemento)
  • Doppia fotocamera anteriore da 32+8MP integrata in un foro sul display
  • Batteria da 4.300 mAh con ricarica rapida a 30 W
  • Prezzo: 500 euro

Oneplus Pods

Delle cuffiette non si sa molto, ma possiamo fornire con (quasi) certezza alcune delle informazioni che le riguardano da vicino.

  • Il nome dovrebbe essere Oneplus Pods
  • le OnePlus Pods dovrebbero essere collegate ad un’apposita app
  • sarà possibile leggere il livello della batteria di ogni auricolare, sono inoltre presenti alcune azioni come il doppio tocco per la riproduzione o la messa in pausa della musica
  • saranno disponibili in colorazione nera. Non è chiaro se il prodotto verrà venduto anche nella variante bianca
  • per il design si parla del retro degli auricolari che sarà caratterizzato da una finitura in alluminio spazzolato, inoltre sarà presente anche un cerchio di colore rosso.
  • Sembrerebbe poi essere confermata anche la forma del case di ricarica che ricorda quella adottata da Huawei con le sue Freebuds 3 (clicca qui per vedere la loro recensione)
  • secondo alcune indiscrezioni, le Pods offriranno un design in-ear che garantirà un migliore isolamento dall’ambiente circostante

FONTI

Alcuni utilizzi creativi per un Ipad vecchio

Avete un vecchio Ipad ma non avete la più pallida idea di cosa farci? Nessun problema, su questo articolo troverete alcuni modi creativi in cui “riciclare” il vostro vecchio Ipad, ma prima di tutto iniziamo col vedere quali Ipad si possono classificare come vecchi. Intanto è ovvio specificare che un Ipad vecchio non è più in grado di ricevere aggiornamenti perché il suo sistema operativo non li regge. Sapendo questo, stiliamo una lista di quali Ipad si possono definire vecchi.

  • iPad di prima generazione (arriva a iOS 5.1.1)
  • iPad 2 (arriva a  iOS 9.3.5)
  • iPad mini (arriva a iOS 9.3.5)
  • iPad 3 (arriva a iOS 9.3.5)
  • iPad 4 (arriva a iOS 10.3.4)
  • iPad Air (arriva a iOS 12.x)
  • iPad mini 2 (arriva a iOS 12.x)

Dopo aver definito quali sono in realtà gli Ipad vecchi, possiamo partire con le idee con cui “riciclare” questi dispositivi. Partiamo.

Dashcam o videocamera di sicurezza

Per chi non sappia cosa sia una Dashcam ci tengo a fare un piccolo approfondimento. Una Dashcam è un dispositivo elettronico per l’acquisizione di immagini, applicabile sul parabrezza dei veicoli al fine di registrare gli eventi che accadono. Quindi sapendo questo partiamo con il suo innovativo utilizzo.

Scaricando una delle tante App dedicate, che si trovano sull’App Store, come Smart Dash Cam, possiamo trasformare l’Ipad in una specie di scatola Nera che ci permette di poter registrare i fatti che avvengono sia dentro che fuori il veicolo.

Se invece l’utilizzo che volete attuare è quella di videocamera di sicurezza, allora avrete bisogno di un’altra tipologia di App, come Presence, (sempre scaricabile dall’App Store). Essa, grazie al WiFi, permette di controllare la videocamera in tempo reale o di ricevere allarmi con i clip video non appena viene rilevato del movimento. Ricordate però che queste funzioni saranno limitate dalla capienza di memoria del dispositivo quindi, più memoria ha l’Ipad più sarà utile questa funzione.

Una cornice digitale

La peculiarità delle cornici digitali è che permettono di mostrare immagini sempre diverse e anche video, in modo di avere ricordi a portata di mano, senza bisogno di andare a sfogliare un vecchio album fotografico o di cercare disperatamente una certa foto per mostrarla ad altri.

Un’App che permette di convertire un vecchio dispositivo Apple in una cornice digitale è Photo Frame (scaricabile dall’App Store) che permette di riprodurre un album fotografico sull’iPad ma anche di mostrare l’orologio digitale ed un calendario. Collegando l’iPad alla WiFi e sincronizzando le foto con un account sul cloud possiamo anche aggiornare le foto in tempo reale da altri dispositivi, senza bisogno di scollegare e rimontare l’iPad. Ovviamente ricordate di acquistare un sostegno o una custodia che permette di far reggere da solo l’Ipad sul mobile su cui avete intenzione di posizionarlo.

Un ricettario tutto digitale

Avete letto bene! Chi ha mai detto che un vecchio Ipad, con la possibilità di essere collegato ad Internet, non possa essere un ottimo ricettario? Eh già, un Ipad con accesso ad Internet può accedere a milioni di video e articoli che ti permettono di cucinare piatti gustosi. Per farlo vi serve un sostegno adatto al vostro Ipad che ve lo regga mentre cucinate e tanta voglia di mangiare.

Una specie di Kindle

Eh sì, il vostro Ipad ha la possibilità di scaricare centinaia di libri, oppure usate l’App Kindle qualora foste abbonati. Un vecchio Ipad può diventare davvero un ottimo Ebook Reader. Dopotutto non serve nulla per trasformarlo in un Ebook Reader, in verità già lo è!

Un lettore Midi-Karaoke

Per chi fosse un vero amante del karaoke, un ottimo utilizzo per dare nuova vita al vostro dispositivo è un lettore per Karaoke. Spesso questi tipi di lettori costano un bel po’, ma voi ne avete uno nelle vostre mani a costo zero. Che ne dite di “riciclarlo” sia per un tornaconto personale che per fare del bene anche alla terra non buttandolo?

Riciclarlo per davvero

Nel qual caso nessuna delle idee sopracitate vi avesse convinto, potete sempre venderlo, regalarlo oppure consegnarlo ad un negozio di elettronica che ritira il materiale elettronico usato.

FONTE: https://www.macitynet.it/dieci-cose-che-e-possibile-fare-con-un-vecchio-ipad/

10 smartphone uno migliore dell’altro, quali sono?

Spesso scegliere quale smartphone comprare è davvero una cosa difficile ardua da fare, ma con questo articolo spero di potervi dare qualche idea al riguardo. In questo modo spenderete saggiamente i vostri soldi e vi ritroverete tra le mani dei device che rendono bene. Vediamo insieme questi 10 telefoni e scopriamo quale è il migliore. Andiamo.

  • Realme 5i
  • Redmi Note 9S
  • Huawei Nova 5T
  • Xiaomi Mi 10 Lite
  • Huawei P30 Pro
  • Samsung Galaxy S10 Plus
  • Asus Zenfone 6
  • Apple Iphone SE
  • Samsung Galaxy M31
  • Motorola Edge

Realme 5i

Realme 5i si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone economico sui 100 €”. Infatti per le sue caratteristiche, di cui si può elogiare di sicuro il comparto fotografico, il design e l’autonomia, questo smartphone vale decisamente l’acquisto. Dal punto di vista fotografico possiamo notare ben 5 sensori di immagine (di cui 4 sono dietro), il design decisamente carino e l’autonomia da 5000 mAh è di certo valida. Lo consiglio a chi cerca un prodotto valido e completo pur restando nei limiti del portafogli.

Redmi Note 9S

Redmi Note 9S si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone economico sui 200 €”. Tra i pro possiamo menzionare l’eccellente display FullHD+ da 6,67 pollici, il design molto curato e il comparto fotografico, completo e ben tarato. Il comparto hardware è abbastanza completo e l’unica vera mancanza è l’assenza del NFC. Un altro punto a favore è l’autonomia che permette un utilizzo reale di questo smartphone di 2 giorni. Consigliabile a chi è disposto a spendere qualcosina in più per ottenere delle buone prestazioni ma che comunque ci tiene al risparmio.

Huawei Nova 5T

Huawei Nova 5T si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone economico sui 300 €”. Tra le sue principali qualità, menzioniamo le ottime prestazioni in qualsiasi contesto grazie ai 6GB di RAM, il SoC e l’ottimizzazione software. Molto bello anche il design caratterizzato da un grande display frontale con solo un piccolo foro per la fotocamera e cornici praticamente inesistenti.

Nella parte posteriore sono state inserite ben 4 fotocamere, tra le quali spiccano il sensore principale da 48MP e la grandangolare, entrambe utilizzabili con l’eccellente modalità notte. Sono da menzionare anche la presenza di uno slot dual SIM ibrido, di un lettore per le impronte digitali laterale, veloce e ben posizionato, di uno speaker mono di buona qualità e di una batteria da 3.750 mAh capace di coprire senza alcun problema una giornata di utilizzo, anche se forse potevano mettere una capacità maggiore. Consiglio questo device a chi ama fare foto e vuole andare sul sicuro con un acquisto della marca Huawei.

Xiaomi Mi 10 Lite

Xiaomi Mi 10 Lite si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone economico sui 400 €” e come “Migliore rapporto qualità/prezzo”. Oltre ad avere il modem 5G integrato, perfetto soprattutto pensando al futuro, garantisce prestazioni eccezionali in qualsiasi comparto. Integra 6GB di RAM, un SoC votato al gaming e uno schermo AMOLED con lettore d’impronte inserito al di sotto. Il comparto fotografico è qualitativamente interessante. Sono presenti il modulo NFC, il jack audio ed una batteria da 4.160 mAh capace di garantire fino a un giorno e mezzo di utilizzo.

Huawei P30 Pro

Huawei P30 Pro si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone economico sui 500 €” e come “Miglior Cameraphone”. Questo è di sicuro uno smartphone top di gamma capace di eccellere praticamente in tutti i reparti soprattutto per quanto riguarda il comparto fotografico fantastico. Il sensore d’immagine principale da 40MP SuperSensitive con obiettivo grandangolare viene affiancato da un secondo ultra wide da 20MP e da un terzo da 8MP. Ma le vere chicche sono il sistema periscopico a 5 lenti capace di ottenere uno zoom ottico a 5x, la modalità notturna e il quarto sensore ToF utile per migliorare gli effetti di sfocatura dello sfondo. Si distingue anche per il design particolarmente curato, per una autonomia superiore alla media e per il bellissimo Display AMOLED. Son presenti, inoltre, una scocca impermeabile e la ricarica wireless con reverse charge. 

Samsung Galaxy S10 Plus

Samsung Galaxy S10 Plus si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone economico sui 600 €”. Per vedere la recensione completa clicca qui.

Asus Zenfone 6

Asus Zenfone 6 si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone per scattare selfie”.

La sua principale particolarità è la flip Camera, un modulo fotografico composto da due sensori d’immagine che, all’occorrenza, può essere utilizzato sia all’anteriore che al posteriore. La qualità degli scatti è davvero buona con una adeguata riproduzione cromatica e un’ottima gestione della luminosità anche di notte. Al di là di questa caratteristica, il design è concreto e i materiali utilizzati per la realizzazione dell’intera scocca sono da vero top di gamma.

Un altro aspetto degno di nota è l’autonomia che, grazie alla batteria da 5.000 mAh e al sistema operativo con poche personalizzazioni e simile a quello stock di Android, riesce a garantire fino a 2 giorni di utilizzo normale. L’hardware comprende 6/8 GB di RAM, un processore molto performante, il jack audio da 3,5 mm, un triplo slot (due SIM e una microSD) e due speaker stereo. Concludiamo citando che il display è da 6,4 pollici senza notch o fori, gradevole alla vista.

Apple Iphone SE

Apple Iphone SE si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone compatto”. Questo smartphone è caratterizzato da un’estetica identica a quella dell’iPhone 8, dal quale riprende anche parte dell’hardware, display, batteria e fotocamere in primis. Ciò che cambia è il processore, ora l’A13 Bionic di ultima generazione, che permette di avere prestazioni davvero elevate al pari dei più recenti top di gamma del marchio. La scocca è certificata Ip67, le cornici sono decisamente pronunciate e l’usabilità è al top, viste le dimensioni. Troviamo, inoltre, un audio stereo, il buon vecchio e ottimo Touch ID e la ricarica Wireless.

Samsung Galaxy M31

Samsung Galaxy M31 si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone per autonomia”. Il punto forte di questo device è ovviamente la batteria da ben 6.000 mAh con la quale si potranno coprire due giorni di utilizzo reale senza alcuna difficoltà. Abbiamo la scocca posteriore in policarbonato e un ottimo display FullHD+ di tipo Super AMOLED, ben visibile anche sotto la luce diretta del sole. Degno di nota anche la presenza di 6GB di RAM, di un comparto fotografico completo e valido, del modulo NFC e del jack audio.

Motorola Edge

Motorola Edge si aggiudica di sicuro il posto in questa classifica come “Migliore smartphone dal design ricercato”. Le sue armi vincenti sono ovviamente il design estremo e il favoloso “motore” Snapdragon 765, con connettività 5G e potenza da vendere. Questi due aspetti tecnici si traducono in un prodotto elegante, innovativo e pratico, capace di spingere sull’acceleratore quando serve ma garantendo comunque un’autonomia da record per la categoria, con due giornate piene di operatività.

FONTE: https://www.hdblog.it/2016/10/27/migliori-smartphone-qualita-prezzo-Guida-acquisto/

Xiaomi Mi 10. La cina non smette di lavorare!

Come sempre si sente parlare di nuovi smartphone appena usciti sul mercato dei dispositivi tascabili ma è difficile capire se in effetti vale la pena acquistarlo oppure no. Beh, questo articolo è qui proprio per questo. oggi esaminiamo nel dettaglio un nuovo smartphone della ormai conosciuta cina: lo Xiaomi Mi 10. Scopriamolo insieme.

Specifiche tecniche

GENERALI

Sistema OperativoAndroid 10 MIUI 11
Dimensioni162.58 x 74.8 x 8.96 mm
Peso208 grammi

RETE

SIM Nano
HSPA+
LTE
5G
Max Upload Speed 3000 Mbps
Max Download Speed 7500 Mbps

DATI TECNICI

Processore1x 2.84 GHz Cortex A77 + 3x 2.42 GHz Cortex A77 + 4x 1.8 GHz Cortex A53
Chipset Snapdragon 865 Qualcomm SDM865
64 Bit
GPU Adreno 650
RAM 8 GB
Memoria (Max) 256 GB
Memoria Espandibile No

DISPLAY

Pollici 6.67
Risoluzione 1080 x 2340 pixel
Densità Pixel 386 ppi
Tipo AMOLED
Colori 16 milioni
Protezione Gorilla Glass 5

FOTOCAMERA e VIDEO

Megapixel 108 Mp + 13 Mp + 2 Mp + 2 Mp
Risoluzione 12000 x 9000 pixel
Fotocamera Frontale 20 Mp F 2
Video Rec. 8K UHD
Opzioni Fotocamera Frontale HDR/Face Detection
Videocamera Frontale Full HD, 30fps

BATTERIA

Tipo LiPo
Ampere 4780 mAh

Considerazioni

Cominciamo innanzitutto dalla sua confezione. La confezione di questo smartphone contiene al suo interno un alimentatore da ben 30W, un cavo USB/USB-C e una cover in silicone per proteggere il dispositivo. In più, nonostante non ci siano gli auricolari, abbiamo un adattatore da jack 3,5 millimetri a USB-C (infatti non è presente il jack per le cuffiette).

Lo smartphone è costruito in modo eccellente (infatti la scocca è in metallo, che di sicuro fa il suo bell’effetto), anche se le fotocamere sporgenti fanno traballare lo smartphone se utilizzato su di un piano rigido. Purtroppo poi non è impermeabile.

Un deciso punto a Xiaomi va per il suo schermo. Si tratta infatti di un bellissimo display dai bordi curvi, ampiamente apprezzato, per taratura dei colori e luminosità. Lo schermo è interrotto dal piccolo foro della fotocamera in alto a sinistra, ma non è un vero problema, considerando anche le dimensioni totali del pannello.

Infine possiamo dire che Xiaomi Mi 10 è uno smartphone ben costruito, con una ottima fotocamera principale, un bellissimo display e un software completo (e presto aggiornato ancora). Che dire se non che conviene prenderlo? Beh, l’unica nota a sfavore sarebbe il prezzo di quasi 800 € , ma credo proprio che ne vale la pena.

FONTE: https://www.androidworld.it/recensioni/xiaomi-mi-10/

FONTE: https://www.hdblog.it/schede-tecniche/xiaomi-mi-10_i4297/

Le migliori cuffie true wireless da comprare.

Spesso, quando ascoltiamo la musica, non solo vogliamo goderci la canzone ma vogliamo anche che le cuffie rendano giustizia ai toni della musica e che siano confortevoli. In questo articolo vedremo insieme 5 cuffiette True Wireless (ovvero le cuffiette Bluetooth) che sono considerate le migliori nel mercato delle cuffiette senza fili. Dopotutto chi non sogna di essere cool mentre ascolta il suo pezzo preferito?! Vediamo insieme quali sono le migliori in questo campo e perché.

Apple Airpods Pro

Peso piuma (soli 5,4g per singolo auricolare), le si possono indossare e dimenticare di averle; oltretutto l’ergonomia è quasi perfetta e permette di inserirle nel padiglione senza troppi fastidi.

Queste cuffie sono delle vere e proprie in-ear con tanto di adattatori in silicone che aiutano ad escludere i rumori esterni. Sono poi adatte per lo sport in quanto sono resistenti ad acqua e sudore (certificazione IPX4): grazie alla forma ed ai gommini, risultano poi salde e non scappano durante le attività fisiche più classiche. Prezzo alto, le AirPods Pro sono le più care di questo gruppetto con un listino di 279 euro.

PRO E CONTRO

Cancellazione del rumore
Case sempre piccolino (ricarica wireless)
Qualità audio in chiamata
Comode, anche per fare sport
Software ed integrazione con ecosistema
Compatibilità con Android
Ricarica wireless (case)
PrezzoNo
Porta LightningNo
Pochi gommini (solo in silicone)No
Controllo solo con force touchNo

Samsung Galaxy Buds +

Cuffie con un’autonomia superiore (la migliore della categoria) ed in una qualità audio finalmente degna del marchio. Si potranno utilizzare per 11 ore continuative ed il case, dotato anche di ricarica wireless Qi, garantisce un’ulteriore carica completa.

L’intero sistema sonoro, sempre curato da AKG, è perfetto per regalare una buona quantità di bassi ed un’adeguata chiarezza vocale sia in entrata che in uscita. Ovviamente sono presenti, inoltre, i controlli touch per gestire i brani musicali e l’ergonomia risulta essere perfetta anche per praticare sport. 

PRO E CONTRO

Comode, leggere ed ergonomiche
Autonomia Super
Case con ricarica wireless QI
Controlli touch
No riduzione / cancellazione rumoreNo
Niente APTXNo

Huawei Freebuds 3

Le Freebuds sono le uniche di questo gruppetto che non sono delle in-ear. L’autonomia è strabiliante: ben 10 ore di riproduzione continuativa e possibilità di ricaricarle altre 4 volte tramite la batteria integrata nel case. Quest’ultimo, neanche a dirlo, ha la USB Type-C e vanta anche la ricarica wireless. E’ vero che non costano pochissimo: per portarsele a casa servono 179 euro (al netto di offerte e sconti che impazzano online), ma forse ne vale la pena.

PRO E CONTRO

Autonomia
Qualità audio
Comfort
Opzioni e riduzione rumore
Ricarica wireless (case)
non supportato, ad ora, stop musica se togliamo cuffiaNo
Alcune opzioni solo su Huawei Emui 10No
Usate con il PC il volume è più bassoNo

Sony WF-1000XM3

La qualità del suono è eccellente. Più che soddisfacenti anche le chiamate vocali. Il case ha i suoi pro e i suoi contro certamente migliorabile: fornisce autonomia ulteriore per tre volte, ha il chip NFC (che facilita il pairing) ma pesa ben 77 grammi ed è fin troppo grande per stare comodamente in tasca. I controlli touch funzionano piuttosto bene ed i vari tap sono registrati rapidamente. Prezzo di listino pari a 250€.

PRO E CONTRO

Qualità audio
Cancellazione del rumore di fondo eccellente
Autonomia + autonomia con case
Riconscimento tocchi immediato
Controllo volume da cuffie
Coperchio case si graffia facilmenteNo
Prezzo sopra la concorrenzaNo
No controllo volumeNo
Case ingombrante in tascaNo

Soundcore Liberty 2

Ed eccoci arrivati alle ultime cuffiette. Funzionano come standalone (possiamo quindi tenerne solo una all’orecchio), funzionalità non sempre scontata sui modelli più economici. Queste cuffiette possiedono un case non certo piccolissimo (che si ricarica tramite porta USB-C) e certificazione IPX5 (che assicura resistenza contro spruzzi e sudore).

PRO E CONTRO

Sundstage notevole
App completa con Eq Custom, decine di preset ed aggiornamenti firmware
Ottima batteria
Chipset Qualcomm
I primi lotti avevano un po’ di white noiseNo
GrosseNo
No ricariche wirelessNo
No multipointNo

Conclusioni

Dopo aver esaminato attentamente queste varie tipologie di cuffie true wireless, è difficile dire quale sia la migliore. Ovvio che ognuna ha i suoi pregi e i suoi difetti (vuoi che sia per il prezzo o per l’autonomia), ma tutte quante hanno una storia più che valida da raccontare. Ovviamente io non sono qui per scegliere quale siano le migliori in assoluto, perché non c’è il vincitore, anzi io ho solo esposto le loro caratteristiche in modo obbiettivo e abbastanza approfondito. La scelta però sta a voi, quindi scegliete saggiamente come spendere i vostri soldi e buon ascolto.

FONTE: https://www.hdblog.it/indossabili/guide-acquisto/n512364/migliori-cuffie-true-wireless-guida-acquisto/

LG Velvet. Il nuovo device della LG.

LG ha svelato sia il nome che il design del suo prossimo smartphone, che segnerà un cambio di rotta dal punto di vista della nomenclatura e dell’estetica, infatti non è più un modello appartenente alla linea G o V, come il LG V60 ThinQ (clicca qui per andare all’articolo). Ma si chiamerà LG Velvet, scopriamolo insieme.

Specifiche tecniche

GENERALI

Sistema OperativoAndroid 10
Dimensioni167.1 x 74 x 7.85 mm
Peso180 grammi
Resistenza all’acqua

RETE

SIM Nano
HSPA+
LTE
5G
Max Upload Speed 3000 Mbps
Max Download Speed 7500 Mbps

DATI TECNICI

Processore1x 2.4 GHz Kryo 475 Prime + 1x 2.2 GHz Kryo 475 Gold + 6x 1.8 GHz Kryo 475 Silver
Chipset Snapdragon 765G Qualcomm SDM765
64 Bit
GPU Adreno 620
RAM 8 GB
Memoria (Max) 128 GB
Memoria Espandibile Micro SD

DISPLAY

Pollici 6.8
Risoluzione 1080 x 2460 pixel
Densità Pixel 395 ppi
Tipo OLED
Colori 16 milioni

FOTOCAMERA e VIDEO

Megapixel 48 Mp + 8 Mp + 5 Mp
Risoluzione 8000 x 6000 pixel
Fotocamera Frontale 16 Mp
Video Rec. 4K (2160p)
Opzioni Fotocamera Frontale HDR/Face Detection
Videocamera Frontale Full HD, 30fps

BATTERIA

Tipo LiPo
Ampere 4300 mAh

Caratteristiche

Alcuni tratti distintivi di questo ottimo device sono la soluzione per integrare la fotocamera senza vistosi moduli, e i bordi curvi sia sul frontale sia sulla parte posteriore. Al momento mancano ulteriori conferme sulle caratteristiche tecniche e sulla data di presentazione, ma sembra che il progetto sia a buon punto.

Esaminiamo ora l’estetica di questo nuovo smartphone. Nella parte posteriore spicca la fotocamera che il produttore definisce “Raindrop”: gli obiettivi verranno integrati in maniera molto discreta, sotto il vetro posteriore e senza sporgere dalla scocca. Nella parte frontale del telefono sarà presente il “3D Arc Design”, ovvero la soluzione introdotta per rendere simmetriche le due facce dello smartphone, entrambe caratterizzate dalla stessa curvatura dei bordi laterali. La fotocamera anteriore invece sarà inclusa in un piccolo notch a goccia.

FONTE: https://www.hdblog.it/schede-tecniche/lg-velvet_i4410/

FONTE: https://www.hdblog.it/android/articoli/n519505/lg-velvet-nome-ufficiale-immagini-ufficiose/

Samsung S20 Plus. La Samsung non si ferma mai!

Abbiamo già esaminato i fratelli minori di questo device, il Samsung Galaxy S20 (clicca qui per andare all’articolo) e il Samsung Galaxy S20 Ultra (clicca qui per andare all’articolo) ma ora vediamo insieme il nuovo dispositivo della famiglia Samsung: il Samsung Galaxy S20 plus. Scopriamolo insieme.

Specifiche tecniche

GENERALI

Sistema OperativoAndroid 10 Samsung One UI 2.1
Dimensioni161.9 x 73.7 x 7.8 mm
Peso186 grammi
Resistenza all’acqua

RETE

SIM Nano – eSIM
HSPA+
LTE
5G
Max Upload Speed 3000 Mbps
Max Download Speed 7500 Mbps

DATI TECNICI

Processore2x 2.73 GHz Mongoose M5 + 2x 2.4 GHz Cortex-A76 + 4x 1.9 GHz Cortex-A55
Chipset SAMSUNG Exynos 990
64 Bit
GPU Mali-G77 MP11
RAM 12 GB
Memoria (Max) 128 GB
Memoria Espandibile Micro SD Fino a 1000 GB

DISPLAY

Pollici 6.7
Risoluzione 1440 x 3200 pixel
Densità Pixel 525 ppi
Tipo Dynamic AMOLED
Colori 16 milioni
Protezione Gorilla Glass 6

FOTOCAMERA e VIDEO

Megapixel 12 Mp + 64 Mp + 12 Mp
Risoluzione 4000 x 3000 pixel
Fotocamera Frontale 10 Mp F 2.2
Video Rec. 8K UHD
Opzioni Fotocamera Frontale HDR/Face Detection/Autofocus
Videocamera Frontale 4K (2160p), 60fps

BATTERIA

Tipo LiPo
Ampere 4500 mAh

Caratteristiche

Un design decisamente a doppia faccia perché sulla parte frontale è uno dei dispositivi più belli in circolazione, mentre dietro riprende l’ingombrante gruppo ottico di S20 Ultra, per un design un po’ anonimo. Nel lato destro dello smartphone troviamo ora solo due tasti, accensione/spegnimento/assistente e bilanciere del volume. I bordi dello schermo non sono più curvi ma piatti e la porta jack audio non c’è più.

Vale la pena ricordare che Samsung Galaxy S20 Plus è uno smartphone affidabile nelle operazioni quotidiane, dalla parte telefonica a quella di connettività. Partendo dalle funzioni telefoniche ricordiamo che sono disponibili due slot fisici per l’installazione di due nano SIM o di una nano SIM e una microSD per l’espansione di memoria, inoltre trova spazio una eSIM. Potrete usare S20 Plus solo come dual SIM.

All’interno della confezione, oltre allo smartphone, possiamo trovare il caricatore super fast charging, il cavo Tipe-C Tipe C, e le cuffiette auricolari Tipe-C (perché ricordiamo che non è presente il jack per le cuffie).

FONTE: https://www.hdblog.it/schede-tecniche/samsung-galaxy-s20-plus-5g_i4294/

FONTE: https://www.hdblog.it/smartphone/recensioni/n518672/recensione-samsung-galaxy-s20-plus/